Catanzaro, donna dispersa e ritrovata grazie ai Carabinieri: l’incontro con i suoi salvatori

0

Una storia a lieto fine quella della signora Gabriella, dispersa nelle campagne di Gimigliano che, grazie al soccorso dei Carabinieri della Centrale Operativa di Catanzaro, è riuscita a tornare a casa dai propri figli.

Dispersa per molte ore tra le campagne di Gimigliano, senza nessun punto di orientamento e possibili indicazioni da dare a soccorritori e Forze dell’Ordine. È quanto accaduto a Gabriella, 79 anni, ex insegnante di scuola superiore che venerdì 21 gennaio si apprestava a raggiungere Gagliano, quartiere Nord di Catanzaro, per partecipare ad una messa in ricordo di un amico. Una distrazione, o forse un errore di orientamento durante il tragitto, l’hanno portata a spostarsi per diversi chilometri fuori paese, fino ad arrivare nelle strade sterrate degli uliveti di Gimigliano. Resasi conto della situazione e non sapendo più che strada seguire, Gabriella ha iniziato ad avvertire un senso di preoccupazione che diventava sempre più forte con il passare dei minuti. Ad aggravare la vicenda, la batteria dell’auto esausta. La donna, disperata, fa partire la catena che lega tutte le forze di pronto soccorso e aiuto, chiamando il 112. A rispondere alla chiamata sono i Carabinieri della Centrale Operativa di Catanzaro che, dopo le prime domande di indagine, comprendono che il problema è più complesso del previsto, vista l’assenza di indicazioni, di punti di riferimento, di una localizzazione vera e propria. Costantemente supportata dai Carabinieri, visto il calare della notte e la totale assenza di viveri, c’è la necessità di far intervenire a supporto tutti i mezzi disponibili e procedere con un preciso schema di immediato soccorso. Localizzata l’area dalla quale è partita la chiamata, la vicenda viene segnalata alla Prefettura di Catanzaro che attiva il piano per la ricerca di persone scomparse.

Il ritrovamento dopo ore di ricerca

All’alba del 22 gennaio si alza in volo l’elicottero del 2° Reggimento Aviazione dell’Esercito “Sirio” e sorvolerà l’area per le successive 5 ore, ma senza successo. Gabriella fortunatamente non resterà quasi mai sola, perché in contatto diretto e costante con i Carabinieri della Centrale Operativa di Catanzaro, che la supportano e cercano di mantenerla vigile e serena. Tornato alla base il mezzo militare, ad avere maggior fortuna è l’elicottero dei Vigili del Fuoco che individua l’auto della donna in mezzo alla vegetazione. Fisicamente segnata, ma moralmente rincuorata, la donna viene portata in ospedale per un controllo.

L’incontro con i Carabinieri

Alcuni giorni dopo, Gabriella sente la necessità di ringraziare “i suoi angeli custodi”, quei militari che indossano la divisa dell’Arma dei Carabinieri grazie ai quali è stata ritrovata. Invitati a casa, le voci di conforto e aiuto che hanno risposto alla chiamata di quella notte sono ora due persone reali che possono guardare fieri gli occhi di una donna visibilmente commossa e che sarà loro grata per la vita.

Share.

About Author

Maurizio Saladino nasce a Lamezia Terme il 23 ottobre 1990. Dopo aver conseguito una Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione, ottiene un Master di primo livello in Editoria presso l'Università della Calabria. Una Laurea Magistrale in Editoria e Comunicazione presso L'università degli studi di Bergamo ne completano gli studi e la carriera universitaria.

Leave A Reply