Messa, nuovo gesto di pace dal 14 febbraio: il comunicato della CEI

0

È ormai passato un anno dall’inizio delle restrizioni dovute all’arrivo del covid-19. tra i tanti campi che hanno risentito delle strette mese dopo mese, anche quello religioso. L’ultimo dpcm, però, non ha impedito la celebrazione della messa, i fedeli continuano quindi recarsi in chiesa. Inevitabilmente ci sono stati però dei cambiamenti, in particolare il gesto di pace. Da sempre in segno di pace è caratterizzato dal darsi la mano, ma a causa delle limitazioni di contatto sociale, nell’ultimo anno è stato sospeso.

Il nuovo segno di pace durante la messa

Considerate le tempistiche sempre più allungate, la CEI, conferenza episcopale italiana, ha rilasciato un comunicato che annuncia il nuovo modo per scambiarsi il segno di pace a partire dal 14 febbraio. Non si tratta della gomitata, che comunque rappresenterebbe un contatto, bensì di uno sguardo e un inchino. Ecco il comunicato: “Non apparendo opportuno nel contesto liturgico sostituire la stretta di mano o l’abbraccio con il toccarsi con i gomiti, all’invito di scambiarsi il dono della pace volgere gli occhi per intercettare quelli del vicino e accennare un inchino può esprimere in modo eloquente, sicuro e sensibile, la ricerca del volto dell’altro, per accogliere e scambiare il dono della pace, fondamento di ogni fraternità”. 

Share.

About Author

Classe '89, la mia passione più grande è la lettura. Amo comunicare e scrivere di tutto, dalle ultime notizie alla recensione di un nuovo libro. Laureata in Editoria e Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo, lavoro come Web Content dal 2014.

Leave A Reply