Giornata della Memoria 27 gennaio 2021: frasi e immagini per non dimenticare

0

Il 27 gennaio 2021 si celebra, con una totalità universale, la giornata della memoria. È bene ricordare perché impossibile dimenticare. Non possiamo ancora oggi, a distanza di decenni, dimenticare quanto accaduto nei campi di concentramento. Il genocidio di una razza per mano di uomini senza pietà, lo sterminio di sei milioni di ebrei non può e non deve essere dimenticato da nessuno. Anche in questo particolare anno, un 2021 che è alle prese con una pandemia mondiale, saranno tante le iniziative che si svolgeranno a favore di questa giornata del ricordo. Di seguito una serie di frasi per ricordare la giornata universale della memoria, la memoria di una pagina sporca di una storia scritta da uomini senza umanità. Qui una serie di immagini, raccolte da Google, per il giorno della memoria.

Giornata della memoria 27 gennaio: frasi per ricordare

  • La memoria è necessaria, dobbiamo ricordare perché le cose che si dimenticano possono ritornare: è il testamento che ci ha lasciato Primo Levi. Mario Rigoni Stern;
  • L’indifferenza è più colpevole della violenza stessa. È l’apatia morale di chi si volta dall’altra parte: succede anche oggi verso il razzismo e altri orrori del mondo. La memoria vale proprio come vaccino contro l’indifferenza. Liliana Segre;
  • Pochi anni infatti ci separano dal più orribile crimine di massa che la storia moderna debba registrare: un crimine commesso non da una banda di fanatici, ma con freddo calcolo dal governo di una nazione potente. Il destino dei sopravvissuti alle persecuzioni tedesche testimonia fino a che punto sia decaduta la coscienza morale dell’umanità. Albert Einstein;
  • Ricordare è un dovere: essi non vogliono dimenticare, e soprattutto non vogliono che il mondo dimentichi, perché hanno capito che la loro esperienza non è stata priva di senso, e che i Lager non sono stati un incidente, un imprevisto della Storia; (Primo Levi)
  • Auschwitz è patrimonio di tutti. Nessuno lo dimentichi, nessuno lo contesti. Auschwitz rimanga luogo di raccoglimento e di monito per le future generazioni. Marta Ascoli
Share.

About Author

Paolo Saladino nasce a Lamezia Terme il 7 settembre 1994. Dopo aver concluso gli studi ho cambiato diversi lavori, ma la curiosità verso le notizie e l'interesse per lo sport non mi abbandonano mai,

Leave A Reply