Hipster, cosa vuol dire: origine e significato del termine

0

Il termine Hipster è molto utilizzato, ma non tutti ne conoscono il significato. La parola nata negli anni Quaranta negli Stati Uniti ha, infatti, acquisito diverse sfaccettature con il passare del tempo. Dunque approfondiamo di seguito l’origine e il significato di Hipster.

Hipster origine e significato del nome

Come anticipato, il termine hipster nacque negli anni Quaranta negli USA per definire gli appassionati della musica jazz. Con lo stesso significato negli anni precedenti venivano anche utilizzate le parole “Hep” e in seguito “hip”, ai quali si aggiunse la variante “hepcats” che comprendeva, non solo il genere musicale, ma anche i musicisti che eseguivano quel genere di musica. Questi erano appassionati del così detto “hot jazz” e desideravano distinguersi da chi invece prediligeva lo swing. Dunque Hipster è un termine che si riferisce agli appassionati di un particolare tipo di jazz, il bebop, nato per l’appunto in quegli anni ed eseguito prevalentemente da artisti giovani e con uno stile di vita più anticonformista.

Chi sono gli hipster?

Al giorno d’oggi con il termine “hipster” si  indica una subcultura formata da giovani borghesi che sono interessati a essere alternativi e a seguire un stile diverso dalla massa. Lo stile Hipster è contraddistinto da  accessori vintage, jeans skinny,  magliette dai colori neutri, ma anche camicie a quadri, e sneakers.

Share.

About Author

Jasmine Valeo nasce a Taranto il 10 marzo 1995. Dopo la maturità classica, decide di trasferirsi in Germania, dove attualmente risiede, per studiare la lingua e le usanze tipiche tedesche. Appassionata di libri e pedagogia, ama viaggiare e scoprire nuovi orizzonti.

Leave A Reply