Referendum 20-21 settembre: aggiornamenti in tempo reale

0

Le ultime proiezioni, dopo la fine delle votazioni per il Si o il No vedono un netto vantaggio, almeno per il momento, del Si, che raggiunge il 67%, contro il solo 33% del No. Se, nelle prossime ore questi risultati non dovessero subire clamorosi cambiamenti, il taglio dei parlamentari si farà. A votare, per tutti gli aventi diritto, è il 51,75% (quando sono arrivati i dati di oltre 3mila comuni su 7.900). Un numero non altissimo di persone andate alle urne per votare Sì o No alla riforma degli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione. Diverse le testate giornalistiche in Italia che stanno monitorando e seguendo in tempo reale lo spoglio dei voti. Tra queste anche il Corriere della Sera.


Come riportato dalla testata giornalistica, se dovesse vincere il Si, come proiezione riporta, si darà il via libera alla riduzione del numero dei parlamentari, con la modifica degli articoli 56 e 57 della Costituzione. È un taglio lineare, che non tocca le funzioni di Camera e Senato (il bicameralismo paritario): il numero dei deputati passa dagli attuali 630 a 400, quello dei senatori eletti da 315 a 200. La legge è in vigore, ma non operativa: nel senso che se si andasse a votare domattina (il che, chiariamo, è impossibile), i cittadini sarebbero chiamati a eleggere ancora 630 deputati e 315 senatori. La legge sarà operativa non prima di 60 giorni dall’entrata in vigore: i tempi tecnici per il ridisegno dei collegi.

Share.

About Author

Classe 92, appassionato di sport, in particolare il calcio. Da sempre, seguo e tifo Juventus.

Leave A Reply