Open Arms rifiuta sbarco ad Algeciras: Spagna offre porto a Mahon, nelle Baleari

0

Proseguono le disavventure della nave Open Arms con a bordo Oltre 100 immigrati. La situazione ad oggi è veramente critica, molteplici le richieste di un porto sicuro che sia Lampedusa o comunque una zona non troppo distante dal luogo in cui l’open Arms si trova al momento. Dopo molti giorni arriva, finalmente, una risposta positiva da parte della Spagna. Il premier spagnolo Pedro Sanchez ha Infatti offerto il porto di Algeciras, in Andalusia, per lo sbarco dei migranti. Questo il suo tweet: “Ho indicato che il porto di Algeciras sia abilitato per ricevere Open Arms. La Spagna agisce sempre nelle emergenze umanitarie. È necessario stabilire una soluzione europea, ordinata e di supporto, che guidi la sfida migratoria con i valori del progresso e dell’umanesimo dell’Ue”. Netto il rifiuto da parte della ONG, il fondatore della Open arms, Oscar Camps ha sostenuto che è impossibile chiedere di navigare ancora altri 5 giorni prima di poter salvare le persone a bordo alla nave. Queste le sue parole su Twitter: “Dopo 26 giorni di missione, 17 in attesa con 134 persone a bordo, un ordine del tribunale a favore e 6 paesi disposti a ospitare, vuoi che navighiamo per 950 miglia, circa 5 giorni in più, verso Algeciras, il porto più lontano del Mediterraneo, con una situazione insostenibile a bordo?”. Inutile dire che la reazione di Matteo Salvini non si è fatta attendere, il Ministro dell’Interno si dice infatti sconvolto dal rifiuto da parte dell’ong.

Difronte al rifiuto il premier spagnolo ha proposto l’attracco sulla più vicina Mahon, sull’isola di Minorca (Baleari). L’isola si trova a quasi 1.000 km da Lampedusa. Si attende, ancora una risposta da parte del omandante non ha ancora risposto, precisa il giornale. Questo quanto comunicato dal giornale spagnolo El Pais. L’Italia dal canto suo offre supporto in mare alla ONG, mettendo a disposizione le navi della guardia costiera. Questo quanto comunicato da Toninelli: “La nostra Guardia Costiera è ora a disposizione, ed è pronta ad accompagnare l’Ong verso il porto spagnolo, con tutto il sostegno tecnico necessario, per far sbarcare lì tutti i migranti a bordo

Share.

About Author

Classe '89, la mia passione più grande è la lettura. Amo comunicare e scrivere di tutto, dalle ultime notizie alla recensione di un nuovo libro. Laureata in Editoria e Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo, lavoro come Web Content dal 2014.

Leave A Reply