Icardi-Inter: la guerra fredda continua ad oltranza

0

Dall’inizio del girone di ritorno nulla è cambiato. Da quel mancato rinnovo contrattuale e la conseguente perdita della fascia da capitano, nulla è andato a migliorare. Mauro Icardi e l’Inter continuano a protrarre la loro guerra da ormai sei mesi ed oltre. L’intento della società nerazzurra era quello di vendere l’attaccante argentino alla prima apertura di mercato del mese di luglio, ma ancora oggi nessuno si è fatto avanti per l’acquisizione a titolo definitivo. La questione è ormai diventata troppo spinosa ed oltre ad avere un esubero di troppo in casa, si rischia anche figuraccia mediatica.

Icardi-Inter: nulla si muove, ma tutto si distrugge

Icardi è stato chiaro fin da subito: se dovesse lasciare l’Inter, la sua unica scelta sarebbe la Juventus. Ad oggi, però, forti dell’interesse del calciatore, la società piemontese aspetta ed intanto tesse la trama, perché sa che l’attaccante non vorrà percorrere altre strade se non quella che porta a Torino. Un abbassamento del cartellino non farebbe male alle tasche dei bianconeri, che puntano sul maxi sconto dettato della situazione che si è generate. L’Inter vorrebbe provarsi di Icardi immediatamente, ma per Icarsi stesso non c’è fretta. Si allenerà da solo ad oltranza anche dopo il 10 agosto, termine ultimo fissato per il passaggio in bianconero. Se così non dovesse essere, l’Inter si troverà il calciatore a bilancio per ancora un anno. Roma e Napoli intanto stanno ad aspettare quali spettatori passivi, in attesa forse di un possibile miracolo che concretizzi l’affare a loro favore.

Share.

About Author

Maurizio Saladino nasce a Lamezia Terme il 23 ottobre 1990. Dopo aver conseguito una Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione, ottiene un Master di primo livello in Editoria presso l'Università della Calabria. Una Laurea Magistrale in Editoria e Comunicazione presso L'università degli studi di Bergamo ne completano gli studi e la carriera universitaria.

Leave A Reply