Morto Luca Semprini: chi è l’addetto stampa della Ducati

0

Luca Semprini, addetto stampa della Ducati è stato trovato morto nella sua camera d’albergo a Brno. A soli 35 anni, il giovane, è deceduto, senza alcuna ragione apparente, nel sonno. A comunicare la triste notizia, che ha sconvolto il mondo della motogp, il team di Borgo Panigale. La notizia è giunta tramite i social ufficiali, queste le parole pubblicate su Twitter: “siamo profondamente rattristati nell’informare della morte improvvisa del nostro addetto stampa motogp, Luca Semprini. Luca era arrivato con la squadra mercoledì per la gara della MotoGP di questo fine settimana nella Repubblica Ceca ed è morto durante la notte nella camera d’albergo.”

Il dolore sui social per la morte di Semprini

L’uomo si trovava, dunque, a Brno da pochi giorni, per preparare insieme alla squadra il Gran Premio della Repubblica ceca. La dorna, società spagnola che gestisce la parte commerciale del motomondiale, nel comunicato ha profuso le più sentite condoglianze alla scuderia, gli amici ed ai familiari dell’uomo. Molti i messaggi, in particolare su instagram, da parte degli amici. Marco Melandri inizia il suo post con queste parole: “un risveglio surreale, ci lascia una persona con cui avevo un rapporto speciale.”

Ma chi era Luca Semprini?

Luca, inizia il proprio lavoro come addetto stampa della Ducati nel 2015. Ma come ha  inizio la sua carriera? Dopo la laurea in giornalismo a Bologna, ha conseguito un master negli negli Stati uniti. Successivamente, la sua carriera lavorativa ha preso il via lavorando per uno dei principali siti del settore di gare di moto gpone.com. Semprini ha lavorato inoltre per diverse agenzie di marketing per poi diventare giornalista di motori nel 2011. 

Share.

About Author

Classe '89, la mia passione più grande è la lettura. Amo comunicare e scrivere di tutto, dalle ultime notizie alla recensione di un nuovo libro. Laureata in Editoria e Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo, lavoro come Web Content dal 2014.

Leave A Reply