Macerata, Traini condannato a 12 anni di carcere

0

Luca Traini, 29 anni, autore di una sparatoria contro migranti lo scorso 3 ottobre a Macerata, è stato condannato a 12 anni di reclusione. L’imputato dovrà inoltre scontare tre mesi di libertà vigilata e risarcire le parti coinvolte con somme ancora da quantificare. Le accuse contro Traini sono di strage aggravata dall’odio razziale e detenzione impropria di armi.

Era il 3 ottobre 2018 quando a Macerate da una Alfa 147 nera in movimento, vengono esplosi alcuni colpi di pistola nel centro cittadino. La sparatoria ha avuto inizio davanti alla stazione, in Via Velini e in Via Spalato, ma sono poi rimaste colpite anche le zone di Piediripa di Macerata, Casette Verdini, via Pancalducci e Borgo San Giuliano, verrà anche colpita la sede locale del Partito Democratico. Nella sparatoria, rimangono ferite sei persone, tutti immigrati di origine sub-sahariana.

Luca Traini condannato a 12 anni di reclusione

L’imputato dovrà inoltre scontare tre mesi di libertà vigilata e risarcire le parti coinvolte con somme ancora da quantificare. Le accuse contro Traini sono di strage aggravata dall’odio razziale e detenzione impropria di armi. Durante il processo con rito abbreviato, tenutosi a porte chiuse, in Corte d’Assise, l’imputato si è detto sinceramente pentito dell’accaduto.

Secondo quanto riportato anche da Ansa, leggendo alcune frasi su un foglio di carta, Traini avrebbe detto: “Non provo nessun odio razziale, volevo fare giustizia contro pusher per il bombardamento di notizie sullo spaccio diffuso anche a causa dell’immigrazione: anche la mia ex fidanzata assumeva sostanze. In carcere ho maturato una nuova cognizione dei fatti”. L’imputato durante il processo ha poi parlato della sua infanzia, da lui stesso definita “difficile”, ma ha tenuto a puntualizzare che non ha mai nutrito sentimenti razziali o xenofobi “Un poco di buono può essere sia bianco, sia nero”, avrebbe così concluso Traini.

Share.

About Author

Jasmine Valeo nasce a Taranto il 10 marzo 1995. Dopo la maturità classica, decide di trasferirsi in Germania, dove attualmente risiede, per studiare la lingua e le usanze tipiche tedesche. Appassionata di libri e pedagogia, ama viaggiare e scoprire nuovi orizzonti.

Leave A Reply