Casa delle bambole a Torino: chiusa l’attività perché non a legge

0

Aperta da soli pochi giorni e reduce da un grande successo, primi guai per la casa delle bambole hot a Torino. La polizia municipale è stata costretta a chiudere l’attività a causa di alcune irregolarità riscontrate durante una perquisizione. Mancato rispetto delle norme igieniche e dubbi sull’esercizio abusivo dell’attività di affittacamere. I proprietari, come riportano le maggiori testate di informazione italiane, saranno dissuasi dal continuare l’attività.

Torino: primi problemi per la discussa casa della bambole a Torino

Boom di visite da parte di numerosi clienti fin dalle prime ore dall’apertura e tantissime richieste di prenotazione, ma sembra già al capolinea l’attività aperta lo scorso 3 settembre. Il dubbio maggiore da parte dei controllori è se le norme igieniche e le pulizie delle bambole siano a norma, per questo motivo saranno effettuati maggiori controlli ad attività sospesa.

I proprietari, al termine della perquisizione, hanno dichiarato: “al termine delle indagini l’ASL Torino 1 ha potuto rilevare esclusivamente la carenza in sede di alcuni documenti . Ovviamente si provvederà a breve alle dovute contestazioni dei suddetti rilievi, presso le sedi competenti. Emerge chiaramente che non è stato rilevata la sussistenza di alcun reato, né, tanto meno, la sussistenza di illeciti che possano impedire lo svolgimento regolare dell’attività che, pertanto, reputiamo potrà riprendere nei prossimi giorni”

Share.

About Author

Maurizio Saladino nasce a Lamezia Terme il 23 ottobre 1990. Dopo aver conseguito una Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione, ottiene un Master di primo livello in Editoria presso l'Università della Calabria. Una Laurea Magistrale in Editoria e Comunicazione presso L'università degli studi di Bergamo ne completano gli studi e la carriera universitaria.

Leave A Reply